Toniná

Archeologia Maya > Chiapas

A 11 km da Ococingo direzione nord-est. Ococingo

Descrizione

Il luogo dove s’innalzano sculture in pietra in onore del tempo.

Toniná è una zona archeologica con abbondanti resti della cultura maya. Il suo nome significa, in lingua tzeltal, “la casa della pietra” o “Casa grande di pietra”. Ebbe il suo momento di splendore durante la fine del Classico (600-900 d.C.) quando si realizzò la maggior parte delle iscrizioni e monumenti. Si trova nella Valle de Ococingo, che è una zona di transizione tra la selva e il boscodel Chiapas. Attorno al finale del Classico, la Acropoli de Toniná era una delle strutture di maggior dimensione del Messico antico.

+Visualizza il testo intero

Coincise nel tempo con lo splendore di Tikal, Copán e Palenque, con le quali condivise le figure basate nel mostro della terra, divinità acquatiche, uccelli celestiali e draghi dell’oltretomba. Tonináarrivòa essere una potenza militare importante, come dimostrano le iscrizioni che si sono incontrate di prigionieri in pietra e stucco.

Tra gli edifici del complesso architettonico bisogna rilevare, la imponente piramide di 70 metri conosciuta come La Acropoli, un gioco della palla e innumerevoli oggetti, bassorilievi e sculture di eccellente qualità.

La Acropoli è formata da sette piattaforme, dieci templi e quattro palazzi, quasi tutti comunicati tra di essi mediante scalinate e corridoilabirintici.

Dalla base sorgono delle enormi tavole con greche che appartengono al Palazzo della Guerra. Nella sesta piattaforma, ai piedi del Tempio Mostro della Terra, si può osservare una delle partipiù rilevanti del sito: il Murale delle Quattro Ere, datato tra il 790-840 d.C., nel quale si rappresentano le principali divinità maya incorniciate dalla leggenda dei quattro soli.

Si può salire alla prima piramide da un labirinto di scale che conducono al Tempio dello Specchio Fumoso che s’innalza 80 metri sulla Gran Piazza. Da lì si accede allo spazio sacro attraverso il gioco della palla che con più di 70 metri fu uno dei più grandi dei suoi tempi.

Esistono nella città un totale di novantasette edifici localizzati, di varie misure e funzioni architettoniche (un tempio per ognuno dei tredici dei maya), palazzi destinati a residenze, un murale, tra le altre, così come due giochi della palla e trentotto tombe.

Tariffe

46 pesos

Orario

Dal martedì alla domenica dalle 9:00 alle 16:00

Come arrivare

Partendo da Tuxtla Gutierrez bisogna dirigersi a San Cristobal de las Casas. Dista 84 km per strada. Una volta a San Cristobal de las Casas bisogna andare alla città di Ococingo attraverso la strada 199 e dopo 11 km, attraverso un cammino sterrato si trova la zona archeologica di Toniná.

Cartina

mapa