Ek Balam

Archeologia Maya > Yucatan

Si trova a 27 km a nord della città di Valladolid.

Descrizione

Scopri la preziosità delle sue sculture di stucco.

Ek Balam in maya yucatano significa “Giaguaro nero”. Le sue origini sono del 300 a.C. Il suo apogeo si dà nel tardo Classico e finale.

+Visualizza il testo intero

É uno dei pochi insediamenti maya che rimase occupato fino all’arrivo degli spagnoli. Raggiunse i 12 km quadrati, che includeva uno spazio sacro centrale di 1 km quadrato, dove abitava la élite. Questa piccola zona centrale era protetta da tre muraglie.

Il segnale di ricchezza materiale e culturale, così come lo sviluppo tecnologico e artistico in Ek Balam, si manifesta con la pittura murale, dove gli artigiani raggiungevano grandi abilità, decorando le costruzioni con incredibili opere d’arte, che vanno da coperture di soffitti a volta con disegni monocromatici, fino a volte complete coperte da coloriti e complessi murali, i cui resti riflettono momenti importanti della città.

Lo stile pittorico di Ek Balam è considerato uno dei migliori dell’area maya, perché essendo naturalista, esprime di maniera molto reale, con proporzioni corrette e con notevole delicatezza e forza espressiva, le rappresentazioni di divinità ed esseri mitici nelle coperture dipinte, così come di esseri umani e animali rappresentati sui muri degli edifici.

Ha 45 strutture ed è circondato da muraglie concentriche di pietra più un’altra che unisce gli edifici centrali. Ha un Gioco della Palla, un anello spettacolare che portava a un cammino.

Esistono anche lapidi e i chiamati serpenti geroglifici, che sono monumenti elegantemente incisi su blocchi di pietra. Le strutture raggruppano vari stili architettonici però ci sono dettagli che lefanno uniche, come immagini con ali che sembrano angeli.

L’Acropoli nel lato nord, è una struttura più grande. Misura 162 metri di lunghezza, 68 di larghezza e 32 di altezza. La decorazione è molto ben conservata e copre la porta con delle fauci aperte e canini di un serpente. Sopra c’è il re sul trono e ai lati le figure di guerrieri alati. All’interno, si trova la Struttura 35 sud o Sak Xok Naah, che significa “la casa bianca di lettura” , e dove si trova la tomba di Ukit Kan Le’k Tok’, uno dei signori più importanti della dinastia che governò il sito.

Si può osservare unalapide che rappresenta un governante di Ek Balam, probabilmente Ukit Jol Ahkul.

Tariffe

35 pesos

Orario

Dallunedì alla domenica dalle 8:00 alle 17:00

Come arrivare

Da Mérida, si prende l’uscita della città in direzione Valladolid. A nord della città di Valladolid, per accedere si prende il tratto Valladolid-Rio Lagartos, si attraversa il paese di Temozón e 7 km più avanti si trova la strada per Ek Balam. Dopo 15 km si trova uno svincolo sulla destra dal quale si accede alla zona archeologica di Ek Balam.

Cartina

mapa